Il Massaggio

Approfondisci

Da qualche tempo ho notato che nel quartiere dove abito hanno aperto uno strano negozio, le vetrine e la porta d’ingresso e coperta da cartelloni pubblicitari con ragazze che fanno massaggi e sempre molto illuminato come negozio sembra che per loro sia sempre natale, ce un’insegna dove ce scritto Centro Massaggi Tuina.

Devo essere sincero prima di quel giorno non ho mai visto un negozio del genere nel mio quartiere, alcune persone di mia conoscenza mi dissero che in quel posto fanno Massaggi Particolari ma, in realtà non capivo di preciso di cosa si trattasse, anzi non sapevo neanche l’esistenza dei massaggi normali e quelli particolari, per me un massaggio è massaggio e basta.

Ci passavo quasi tutti i giorni lì da vanti con la mia bicicletta per andare al bar che stava poco distante da lì, una mattina come di mia consuetudine andai al bar per il caffè e per leggere il giornale, lì incontrai Alberto, il mio vicino di casa non che amico, ci sedemmo insieme a un tavolo per prendere un caffè, nell’ultimo periodo mi faceva così tanta pena, sarà che era parecchio stressato e sempre giù di morale, purtroppo aveva avuto una forte crisi matrimoniale che sfociò in una separazione.

Quel giorno vedevo Alberto particolarmente sereno, quasi felice e mi faceva piacere vederlo bene perchè di periodi bui ne aveva passati già tanti, stavamo parlando quando ad un tratto a interromperci fu un saluto di una ragazza asiatica nei confronti di Alberto che si alzo dalla sedia e sorridendo la saluto con un leggero bacio sulla guancia, poi la ragazza andò via.

Rimasti soli gli chiesi chi fosse e lui mi disse se fossi mai stato in quel Centro massaggi che avevano aperto poco più in là, mi disse che quella splendida ragazza lavorava lì e che faceva dei deliziosi trattamenti mi disse che da quando andava lì almeno una volta alla settimana si sentiva tutta un’altra persona e che la vita da single poi non era così male.

Salutai Alberto, presi la bicicletta per ritornarmene a casa passando proprio lì davanti ripensai alle parole di Alberto chiedendomi se davvero in quel posto erano in grado di farti diventare un’altra persona e per lo più con un massaggio, i giorni passavo e continuavo a passare davanti a quel negozio, la mia curiosità aumentava sempre di più fin quando una mattina decisi di entrare per vedere con i miei occhi veramente come fosse lì dentro.

Apri la porta e subito dopo fu inondato dai profumi degli oli misti a quelli degli incensi, una dolce media e le luci suffuse mi misero subito al mio agio, mi accolse una graziosa ragazza cinese che con un tono di voce basso ma, molto dolce mi chiese “vuoi un massaggio? Accomodati nello stanzino che arrivo subito” in realtà non ero entrata per fare un massaggio ma solo per vedere ma, essendo una persona molto timida che si vergogna facilmente non replicai e mi diressi nella stanza dove mi aveva indicato.

Mi disse di spogliarmi completamente e di stendermi sul lettino che poco dopo sarebbe arrivata lei, infatti poco dopo sento aprirsi nuovamente la porta, entra una giovane ragazza cinese, avrà avuto una ventina d’anni, li rimango incantato nel guardarla era bella, indossava una leggera vestaglietta rosa molto corta che accennava l’inizio del sedere mi chiese se volessi il massaggio, risposi subito di sì.

Iniziò a ungersi le mani che poi dolcemente lasciò scivolare sulla mia schiena, erano movimenti lenti e ritmici era proprio un dolce massaggio che inizio dalle spalle per poi scendere fin giù ai fianchi, ero rilassato tra le sue mani, era molto bella e dolce.

Ad un tratto sentì le sue mani che dalle natiche si intrufolavano un po’ passando tra le gambe mi accolsi che mi stava massaggiando i testicoli ero un imbarazzato ma la cosa iniziava a piacermi tanto che allargai leggermente le gambe per facilitarla nel massaggio mi fece eccitare che quasi mi vergognavo a girarmi avendo una erezione il mio membro e dritto e duro.

La cinesina alla vista del mio membro eccitato sorrise maliziosamente dicendomi di lasciare fare a lei, così l’assecondai lasciandola fare in un attimo parte del mio membro, era nella sua bocca, bastarono pochi movimenti di bocca che non mi trattenei più e esplosi nella sua bocca, in quel momento capì i massaggi particolari che mi diceva Alberto ed aveva ragione che in quel posto ti facevano sentire tutta un’altra persona.

Poco dopo andai via dicendo a quella dolce ragazza che per un po’ non sarei andato essendo che dovevo andare fuori per lavoro cosi lei mi disse che se avrei avuto voglia di un massaggio avrei potuto consultare un sito MassaggioIT dove avrei trovato tante sue colleghe brave come lei.